La Tesi: definizione e come realizzare il progetto di Tesi

Rate this post

Come ben saprai, la Tesi è un lavoro di ricerca che deve essere totalmente autentico ed originale. Si svolge su un argomento correlato al piano studi effettuato negli anni precedenti e, sebbene non sia obbligatorio, di solito appartiene alla stessa area accademica di studio. Non c’è dubbio che i lavori di ricerca stiano diventando una parte sempre più importante di tutti i curricula post-laurea. Come sappiamo, dall’entrata in vigore del Processo di Bologna che nasce nel 1999 come accordo intergovernativo di collaborazione nel settore dell’Istruzione superiore ha modificato alcuni aspetti in ambito Universitario a livello europero e nello specifico in tutti quei paesi che vi aderiscono.
Al giorno d’oggi, le tesi di dottorato o gli elaborati di ricerca sono parte integrante di tutti i corsi di laurea e post-laurea e, naturalmente, degli studi di dottorato.
Le caratteristiche fondamentali di ogni Tesi Universitaria sono due:

  1. Deve essere un’opera completamente inedita ed autentica;
  2. Deve essere completamente originale nella sua preparazione. Per quanto riguarda l’originalità, chiariamo due aspetti: da un lato, dovrai essere l’autore dello studio, e dall’altro, esso dovrà apportare qualcosa di nuovo, ovvero essere inedito all’interno dell’area accademica in cui si trova.

Spesso capita che uno di questi requisiti non venga soddisfatto e la commissione d’esame a cui devi presentare la tua Tesi potrebbe accusarti di scarsa originalità o di plagio (più o meno volontario). Qualunque sia la tua specialità, tieni presente che, secondo l’Università, per superare l’esame saranno ammessi solo tra il 15% ed il 18% di contenuti non originali. Questi contenuti devono essere citazioni, tabelle di dati, ecc… e sempre attribuendo la paternità corrispondente in ogni caso. L’obiettivo è che la tesi sia una riformulazione di un lavoro precedentemente pubblicato ma, soprattutto, che sia in grado di andare oltre, evitando così qualsiasi accusa di copiatura o plagio.
Tuttavia, è difficile che la tesi sia un lavoro originale al 100%, dato che la persona che la realizza non è di solito pienamente qualificata o intellettualmente matura per affrontare un lavoro di questo livello. Pertanto, si dovrebbe richiedere che la tesi sia più riflessiva, che contenga commenti ed annotazioni dell’autore e che non si limiti a esporre una semplice raccolta di idee di altri.
In questo articolo,  vuole parlarti dei tipi di tesi universitarie, in modo che tu sappia come impostare il tuo lavoro, aumentando così la possibilità di ottenere i risultati attesi. Ma se hai ancora dei dubbi, con noi puoi trovare un tutor che ti aiuterà a realizzare la tua Tesi senza plagio.

Quali tipi di Tesi esistono?

Di seguito ti spieghiamo breventente i tipi di tesi in modo che tu possa organizzarti e decidere come elaborare la tua.
Ufficialmente i tipi di Tesi Universitarie nel sistema italiano si distinguono in due tipologie imprescindibili: “Tesi Compilativa e Tesi Sperimentale”.

La Tesi compilativa:

La tesi compilativa consiste nell’analisi ed elaborazione di una grande raccolta di fonti e bibliografia. Lo studente deve raccogliere quante più informazioni possibili relative l’argomento scelto: il lavoro consisterà nel riassumere il contenuto dei testi creando una sintesi chiara ed ordinata dell’argomento da presentare alla commissione di laurea. Questo tipo di tesi viene considerata più semplice rispetto a quelle di ricerca, ma dipendendo dal tema trattato in alcuni casi potrebbe anche risultare complessa.

La Tesi sperimentale:

La tesi Sperimentale detta anche di Ricerca, richiede un importante lavoro di studio e ricerca sull’argomento prescelto, in maniera da fornire un nuovo punto di vista o far emergere degli aspetti originali ed innovativi. Si compone anche di una importante parte compilativa e teorica, dalla quale emergono le considerazioni e le elaborazioni personali frutto del lavoro di analisi delle fonti. La tesi di ricerca o sperimentale, può permettere di approfondire argomenti ancora poco conosciuti ma di grande interesse. Si tratta di un vero “lavoro di ricerca”, di cui lo studente è protagonista. Può rappresentare uno strumento idoneo per proporsi con una particolare posizione all’interno del mondo del lavoro.
Va comunque ricordato che entrambi i tipi di tesi hanno l’obiettivo di permettere al laureando di acquisire un’ottima padronanza del tema trattato, grazie ad un approfondimento concreto della letteratura a riguardo e all’elaborazione di un pensiero proprio.

Quindi… Che tipo di tesi posso scegliere?

Ora che conosci i tipi di Tesi, puoi valutare quale sia la più adatta al tuo caso in base alle tue conoscenze ed esperienze precedenti. Se hai ancora dei dubbi e non sai quale argomento scegliere, puoi consultarci e ti aiuteremo. Non dimenticare che possiamo aiutarti in qualsiasi parte del lavoro di ricerca, così come nell’intero progetto o semplicemente guidarti al di là di ciò che fanno nella tua Università, che spesso è insufficiente.

Il progetto di tesi

Quando si deve intraprendere o iniziare una tesi di dottorato che porterà al conseguimento del PhD, è normale che i ricercatori si preoccupino e addirittura si disperino per questo lungo esercizio. Uno dei primi timori è la scelta dell’argomento, perché è fondamentale e perché è la prima cosa che devi decidere. Se sbaglierai, tutto andrà male e ne pagherai le conseguenze in seguito. Tieni presente che l’argomento è la priorità e che dovrai passare ore ed ore a fare ricerche ed a trovare informazioni correlate ad esso, quindi se non ti stimola, non ti motiva o non ti piace, finirai per non fare bene il questo lavoro.
Ecco quindi le parti essenziali a cui dovrai pensare prima di iniziare la tua Tesi:

  1. Argomento della ricerca: come sai, si riferisce all’oggetto centrale della ricerca e quindi gli obiettivi e le ipotesi saranno formulati intorno ad esso.
  2. Gli obiettivi della tesi: farai una ricerca per raggiungerli. In questo caso spetta al ricercatore optare per un numero ridotto di obiettivi o, al contrario, essere più esigente ed approfondire una gamma piuttosto ampia. Tuttavia, per coloro che pensano di raggiungere il maggior numero possibile di obiettivi, è necessario averli ben chiari prima di iniziare la ricerca. È anche molto probabile che nel corso della ricerca emergano nuove riflessioni e nuovi obiettivi che ci costringeranno a riorientare e riorganizzare tutti i nostri piani.
  3. Ipotesi e variabili: in questo caso, l’ipotesi è l’insieme delle domande per le quali il ricercatore intende trovare una soluzione. Di norma sarà una sola. È lo scopo del lavoro e la guida che ispira e dirige il processo.

L’ipotesi presenta di solito una serie di caratteristiche:

  • Deve essere correlata ad ipotesi precedenti sullo stesso argomento di ricerca.
  • La chiarezza nella formulazione e la adeguatezza al campo di ricerca.
  • La formulazione onesta e imparziale, per non tralasciare gli aspetti necessari.
  • La verificabilità, poiché l’ipotesi è formulata per essere verificata in seguito da chiunque lo ritenga necessario.
  • La generalizzazione, che implica che i risultati della ricerca possano essere estesi al di là delle specificità dei dati della ricerca realizzata.
  • La metodologia: la metodologia è il processo graduale della ricerca. Un concetto strettamente correlato è quello di linea temporale della ricerca, che indica l’arco di tempo da seguire.
  • La bibliografia è una delle parti che molti studenti trovano difficile da affrontare. Potrebbe sembrare eccessivo chiedere una bibliografia nei progetti per chi è agli inizi di questo lavoro, ma è davvero di vitale importanza. Dovresti raccogliere l’intera collezione di opere importanti sull’argomento del progetto che puoi estrarre da opere specifiche e manuali generali, da articoli, da siti web, etc.

Con tutti questi punti che abbiamo sviscerato hai già un’idea del tipo di tesi da affrontare e dell’impostazione che desideri dare al tuo progetto di Tesi.
Ricorda che disponiamo di un team di Docenti professionisti ed esperti che da anni redigono testi universitari di alto livello, oltre ad elaborare Tesi Triennali – Magistrali e di Dottorato.
Se hai bisogno ulteriori informazioni, puoi chiamarci o scriverci senza alcun impegno, in qualsiasi momento Accademiatesi sarà a tua disposizione per aiutarti!

RICHIESTA DI PREVENTIVO

**IMPORTANTE Inviare linee guida e regole per la stesura dell'elaborato**

  • GG slash MM slash AAAA
  • Inserisci un numero inferiore o uguale a 99999.
  • Hidden
  • Tipi di file accettati: jpg, gif, png, pdf, zip, word, doc, docx, txt, Dimensione max del file: 30 MB.
    **Se si tratta di più file, inviarli tutti in un unico file .zip o .rar
  • Hidden
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento

× Come possiamo aiutarti?