Come selezionare le fonti di informazione per la tua tesi?

Rate this post

Per sviluppare la tua tesi di laurea o di master nel miglior modo possibile e che sia un lavoro approvabile per ottenere un buon voto, dovresti iniziare il processo ottenendo più informazioni possibili. Tuttavia, ci sono due tipi fondamentali di fonti di informazione: fonti primarie e fonti secondarie. Ognuna di queste ha il suo particolare carattere e significato e dovrebbero essere trattate in modo diverso.
Nella stessa direzione e in parallelo si possono trovare tre tipi classici di fonti di informazione a cui si può accedere: fonti bibliografiche, giornalistiche e documentarie. Oltre a queste, si trova anche un tipo di fonte assolutamente contemporanea che è l’informazione elettronica. Con l’insieme di tutte le fonti puoi portare avanti perfettamente bene la tua ricerca.
Per ottenere informazioni utili, è necessario fare un esame approfondito di tutto il materiale disponibile a tua disposizione. Perché è necessario? La risposta a questa domanda è molto semplice e in parole povere si può dire: <<non è tutto oro quello che luccica>> ed ancor meno in questi tempi in cui l’informazione ha un carattere di utilità eccessivamente dominante e non facilmente riconoscibile.
Questo fenomeno è perfettamente osservabile nella rete delle reti, su Internet. La quantità di informazioni che viene solitamente riportata da qualsiasi motore di ricerca è impressionante e non è necessariamente utile per sviluppare una ricerca che si vuol seria, affidabile e veritiera. Sul web si possono trovare sia informazioni completamente usa e getta che informazioni basate su procedure, dati supportati e fonti serie.
A partire da questa affermazione facilmente dimostrabile, sta a te dotarti di una buona dose di pazienza e curiosità per realizzare un attento esame di tutto il materiale che hai trovato in rete, per poter valutare quali informazioni ti saranno utili e differenziarle da quelle che potrai scartare direttamente.

Identificazione e selezione del materiale informativo

Inizialmente, è necessario fare una selezione primaria di informazioni. Il criterio imprescindibile è che il materiale che raccogli deve riferirsi all’argomento che hai scelto per realizzare la tua ricerca, ovvero il legame iniziale è la relazione tematica. Questo sembra banale, ma in realtà non lo è. Non sempre un titolo si riferisce direttamente all’informazione di cui hai bisogno, il che ti costringe ad analizzare rapidamente il materiale trovato.
Un requisito essenziale che devi seguire rigorosamente è che tutto il materiale che usi deve contenere dati editoriali secondo le tecniche della ricerca documentaria: dall’autore/i, all’editore, al numero totale di pagine. Questo ti permetterà di rispettare le regole di citazione delle fonti che hai consultato nel tuo lavoro. Controlla questi standard e dai alla tua ricerca serietà e affidabilità.
Su Internet dovresti cercare di utilizzare tutto il materiale bibliografico che trovi, così come i periodici (riviste, bollettini, annuari, ecc.), il materiale audiovisivo (a seconda del tema della tua ricerca) e quello digitale (o elettronico: siti web, blog, forum di discussione, ecc.) Nel caso in cui questi materiali non siano presentati per intero, sarà molto utile annotare l’indirizzo web e la data in cui li hai trovati.
Parallelamente, è possibile accedere ad un tipo di motori di ricerca specializzati come quelli accademici (Google Academics è uno di questi) che ti darà informazioni che sono state controllate come affidabili e prodotte correttamente. Qui troverai le fonti che hanno superato il controllo dagli amministratori del motore di ricerca, pertanto su questi motori di ricerca “specializzati” si può fare affidamento.

Il Valore dei motori di ricerca specializzati

Queste risorse sono generalmente affidabili poiché questi motori di ricerca hanno dei filtri per memorizzare quello che produce ogni ricerca realizzata. Con la loro mediazione si possono trovare informazioni organizzate sia per argomenti specifici che per autori e titoli specifici.
Ed a seconda del tuo tema di ricerca, potrai trovare documenti audiovisivi di diversi tipi: film, interviste, forum, conferenze, ecc. Oltre a questo, contengono un’ampia raccolta di informazioni presentate direttamente dai loro autori; depositate in formato digitale che, oggi, è una risorsa estremamente utile in tutto il mondo.
D’altra parte, l’informazione in formato digitale è un tipo di documento che viene costantemente aggiornato grazie alle enormi possibilità offerte dalla comunicazione moderna. Inoltre, è molto più facile ed immediato rispetto alle pubblicazioni cartacee, siano esse bibliografiche o giornalistiche, per questo motivo è diventato gradualmente una fonte di informazione molto utilizzata.

¿Quali sono i motori di ricerca che ci forniscono più informazioni per la nostra tesi?

Quando stai srivendo la tua tesi, troverai una moltitudine di portali, forum o siti web che ti aiuteranno a documentare la tua ricerca. Internet è uno strumento efficace, dove la quantità di informazioni è infinita, quindi è necessario valutare bene prima di decidere di quale fonte fidarsi. Sicuramenti, tra i tuoi colleghi, avrete fatto girare una lista di motori di ricerca che vi aiuteranno a trovare le informazioni che volete. Elencheremo i motori di ricerca accademici con la maggior quantità di dati, in modo che possiate fare affidamento su di essi.

  1. ERIC: Inventato nel 1964 negli Stati Uniti, questo motore di ricerca è uno dei più vecchi. È stato creato per aiutare tutti gli studenti che avevano bisogno di cercare qualsiasi tipo di contenuto accademico.
  2. Google Scholar: qui troverete, oltre alle informazioni o agli articoli di interesse, i riferimenti dei dati, così come le fonti di tutti i testi pubblicati.
    Scielo: il tuo lavoro si concentra maggiormente sulla disciplina scientifica, allora questo è il motore di ricerca che fa per te. Offre contenuti diversi riguardani la letteratura scientifica, dove troverai la copertura per il tuo lavoro.
  3. High Beam Research: un motore di ricerca molto comodo dove si possono cercare informazioni direttamente per autore, o per l’evento in questione. È un grande aiuto sia per gli studenti che per gli insegnanti.
  4. Chemedia: se quello che cerchi è un motore di ricerca dove puoi scaricare il contenuto di cui hai bisogno, puoi farlo in Chemedia. Troverai documenti appartenenti a tutti i campi accademici.
  5. RefSeek: offre una moltitudine di contenuti attraverso siti web che sono controllati e verificati. In altre parole, tutte le informazioni che troverai qui saranno referenziate da enciclopedie o riviste specializzate nell’argomento in questione. È importante verificare sempre le informazioni prima di utilizzarle. In questo modo sarai sicuro di poterti fidare dei dati.

Le fonti primarie e le fonti secondarie

Questi sono i due tipi classici in cui l’informazione può essere organizzata secondo il suo tipo: fonti primarie e fonti secondarie. Le fonti primarie sono fondamentalmente costituite da documenti e vari tipi di manoscritti, sebbene possano anche includere annuari, memorie, libri originali o diari di un autore, ecc. Possono essere considerate le fonti più appropriate per certi tipi di ricerca come quella economica o storica.
Le fonti secondarie, d’altra parte, consistono in informazioni che sono state prodotte dal lavoro fatto con o su fonti primarie. Sono generalmente opere di valutazione, interpretazione, sintesi, opere comparative o di contrasto. Tra questo tipo di fonti si possono trovare enciclopedie, studi sull’opera di un autore, arte o recensioni di letteratura.
La differenza tra l’una e l’altra sta nel fatto che con le fonti primarie si farebbe un lavoro di ricerca diretto mentre con le fonti secondarie lo si fa indirettamente e soggetto all’interpretazione di altri autori. Non si può dire che un tipo di fonte sia migliore dell’altro. Il loro uso dipende dalla ricerca di studio che hai in mente di fare.
Per sviluppare la tua tesi di laurea o di master nel miglior modo possibile e per renderla un lavoro valido ed ottenere un buon voto, devi cercare di reperire più informazioni possibili. Ora, ci sono due tipi fondamentali di fonti di informazione: fonti primarie e fonti secondarie. Ognuna di queste ha il suo particolare carattere e significato e dovrebbe essere trattata in modo diverso.
Nella stessa direzione e parallelamente si possono trovare tre tipi classici di fonti di informazione a cui si può accedere: informazione bibliografica, giornalistica e documentaria. Oltre a queste, si può anche trovare un tipo di fonte assolutamente contemporanea, che è l’informazione elettronica. Con l’ insieme di tutti i tipi di informazione puoi portare avanti perfettamente la tua ricerca.
Per ottenere informazioni utili, è necessario fare un esame approfondito di tutto il materiale disponibile a vostra disposizione. Perché è necessario? La risposta a questa domanda è molto semplice e in parole povere si può dire: <<non è tutto oro quello che luccica”>> e ancor meno in questi tempi in cui l’informazione ha un carattere di utilità eccessivamente dominante e non facilmente riconoscibile.
Questo fenomeno è perfettamente osservabile nella rete delle reti, su Internet. La quantità di informazioni che di solito viene riportata da qualsiasi motore di ricerca è impressionante e non è necessariamente utile per sviluppare una ricerca che sia vuole seria, affidabile e veritiera. Sul web si possono trovare sia informazioni completamente usa e getta che informazioni basate su procedure, dati supportati e fonti serie.

Come posso fidarmi delle informazioni che ho trovato?

Come stiamo spiegando, devi sapere come selezionare le tue fonti per usarle correttamente nella tua tesi. Dovresti evitare di usare fonti dubbie che offrono informazioni non veritiere. Per essere sicuri e sapere con quali dati lavorare, tieni presente i seguenti punti:

  1. Seleziona una fonte di informazioni che ti dia fiducia e non ti faccia dubitare delle informazioni. Usa il buon senso per essere sicuro di agire correttamente. Se una fonte di informazioni è complessa o incompleta, scartala subito.
  2. Quando ti è chiaro il punto precedente, guarda la data di pubblicazione dell’informazione. Dovresti cercare di conoscere l’autore, chi è, in cosa è specializzato e la data in cui ha pubblicato quell’ informazione. Questo ti aiuterà a sapere se la fonte è credibile o meno.
  3. Sottolinea l’autore che ha scritto la recensione e l’origine della fonte di informazione. Non tutto su Internet è veritiero, quindi indagando un po’ su quella persona, potrai capire se le informazioni che fornisce sono di qualità.
  4. Non scartare o aggiungere “alla leggera” le informazioni che trovi, confronta le fonti più volte per verificare quale sia la più attendibile.

Considerando questi quattro punti, sarai in grado di scegliere le migliori fonti per la tua tesi.

Sulla base di questa affermazione facilmente dimostrabile, sta a te dotarti di una buona dose di pazienza e curiosità per fare un’attenta revisione di tutto il materiale che hai trovato in rete. In questo modo sarai in grado di selezionare quali informazioni ti saranno utili e differenziarle da quelle che sono da scartare. Tutto questo si rifletterà nel riassunto della tesi.
Se hai bisogno di aiuto in qualsiasi punto della tua tesi o cerchi un team specializzato per farlo, puoi contattarci e ti aiuteremo in qualsiasi momento. Da molti anni realizziamo progetti finali di laurea con i quali gli studenti riescono ad ottenere la laurea tanto attesa. Compila il modulo e ti contatteremo al più presto!

RICHIESTA DI PREVENTIVO

**IMPORTANTE Inviare linee guida e regole per la stesura dell'elaborato**

  • GG slash MM slash AAAA
  • Inserisci un numero inferiore o uguale a 99999.
  • Hidden
  • Tipi di file accettati: jpg, gif, png, pdf, zip, word, doc, docx, txt, Dimensione max del file: 30 MB.
    **Se si tratta di più file, inviarli tutti in un unico file .zip o .rar
  • Hidden
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento

× Come possiamo aiutarti?