Come fare una buona presentazione della tua tesi di laurea o del tuo master

5/5 - (1 vote)

Realizzare una presentazione della tesi finale o del progetto di master è una grande responsabilità. Trovarsi in quel momento, quando si ha di fronte una commissione di esaminatori che analizza ogni informazione e le spiegazioni che si danno, non è una situazione divertente per nessuno. Soprattutto quando c’è in gioco l’approvazione, che è quello che ci consentirà di ottenere il titolo di laurea.

La commissione esaminatrice prenderà in considerazione anche il più piccolo dettaglio della presentazione, valuterà tutto ciò che riguarda il discorso che stai facendo, il modo in cui ti muovi mentre parli, le risorse che stai usando, ecc. Il presidente della commissione ha l’ultima parola, quindi ti osserverà attentamente durante tutta l’ esposizione della tua tesi.

Hai passato diversi anni all’università, frequentando molti corsi e svolgendo ogni tipo di lavoro, per cosa? Non c’è motivo perché qualcosa vada storto proprio il giorno della tua presentazione così da impedire di ottenere la tua laurea. Dipende da te, soprattutto in quest’ultima parte, dove sarai faccia a faccia con gli esaminatori che ti valuteranno per un lavoro che ti ha portato via tempo e forza.

Per questo, Accademia Tesi.it, vuole che tu pianifichi bene lo sviluppo della tua presentazione affinché tutto sia perfetto e ti diamo le chiavi per avere successo nella tua presentazione, poiché l’ultimo passo della tua carriera di studente è il più importante.

Regole da rispettare nella presentazione della tua tesi

Per fare una buona presentazione della tua tesi, è essenziale che dedichi tutto il tempo necessario a strutturare l’intera presentazione. Non basta scrivere le idee chiave della tesi, o i punti più forti dello studio, bisogna dare tutte le risposte che si sono ottenute durante la stesura della ricerca ed anche mostrare i dati importanti e spiegare come si è arrivati ad essi.

In questo tipo di presentazione devi seguire una serie di linee guida per dimostrare il tuo livello di coinvolgimento nella ricerca e per far conoscere l’incognita che hai risolto dopo lo studio. Per fare una presentazione di alto livello non basta conoscere l’argomento che si sta per spiegare o l’idea centrale, bisogna studiare tutto a fondo per essere in grado di rispondere a qualsiasi domanda (maliziosa o meno) che la commissione ti farà.

Le linee guida che devi assicurarti di rispettare sono le seguenti:

  1. Tieni a mente e sii consapevole di ciò che stai per sperimentare e di ciò che dovrai fare. Non ti servirà a niente se non lo visualizzi nella tua testa. Questo ti aiuterà a guadagnare fiducia, a ridurre l’ansia e a stare attento a qualsiasi inconveniente che possa sorgere.
  2. Studia il tuo discorso tutte le volte che lo ritieni necessario. Una buona pratica è quella di passare tutto il giorno a ricordare mentalmente la tua presentazione. Se puoi, esercitati ad alta voce davanti allo specchio in modo da sapere come ti muovi e come lo dici. Puoi anche registrarti con il cellulare e poi riascoltarti.
  3. Struttura bene quello che stai per dire. Tutto deve avere un senso e un filo conduttore. Non dovresti saltare parti né esporre idee senza contesto. È di vitale importanza che tu riesca ad esporlo come in una conversazione naturale e spontanea in cui accadono cose nuove e si chiudono quelle precedenti.
  4. Fai molta attenzione al tuo linguaggio. Come nei punti precedenti, le buone maniere dovrebbero prevalere durante tutta la presentazione. È consigliabile, di tanto in tanto, includere i propri aneddoti o fare una battuta sul lavoro svolto, ma non esagerare e cerca di rimanere serio anche quando fai le battute.
  5. Anche se non sembra, l’abbigliamento è un fattore che può aggiungere o sottrarre punti. Cura il tuo abbigliamento e l’estetica per fare una buona impressione fin dal primo momento.
  6. Valuta il tempo che hai a disposizione per fare la tua presentazione. Dai la priorità a ciò che è più importante nel caso in cui si esauriscano i minuti per continuare la presentazione. Mantieni la durata della presentazione sotto controllo e non lasciare nulla al caso.

Nella presentazione di una tesi di laurea o di master, anche la messa in scena deve essere curata. Assicurati di trasmettere ciò che vogliono sentire e dai la migliore versione di te stesso.

Struttura più appropriata per la presentazione della tua tesi

Proprio come hai fatto nel tuo testo di tesi, anche nella tua presentazione dovrai aggiungere l’indice che seguirai in modo che gli spettatori sappiano a che punto ti trovi nella tua presentazione. Per farlo bene, bisogna dare la priorità a ciò che si vuole esprimere, separando gli argomenti primari da quelli secondari. In questo modo avrai l’indice della tua presentazione.

Di seguito ti diamo i punti fondamentali per impostare il lavoro:

  1. Pagina del titolo. Anche se pensi di non averne bisogno, la tua presentazione avrà un aspetto migliore se includi anche una copertina. In questo modo conosceranno l’argomento che hai scelto per la tua tesi. Ti consigliamo di includere in questa prima immagine: il titolo dell’opera, il tuo nome, il logo dell’università e la facoltà.
  2. Indice. La prossima diapositiva deve essere un indice dove si possono vedere, punto per punto, le parti che tratterai durante la presentazione. Così le persone che assisteranno alla presentazione la seguiranno in modo ordinato.
  3. Sviluppo. Questa sarà la parte che richiederà più tempo, poiché è l’essenza della tua presentazione. Tutto quello che devi esporre, spiegare e dettagliare, deve essere in questo punto. Sii chiaro e conciso. Se esiti o non sei sicuro di un’ affermazione, meglio non farla. Evita d’inserire informazioni secondarie per il gusto di riempire, perché questo farà solo perdere la concentrazione e sminuirà i tuoi punti. È meglio approfondire pochi argomenti che toccarne troppi in modo superficiale.
  4. Riconoscimenti. Non dimenticare di ringraziare tutti per aver partecipato e concludere con un paio di brevi frasi sulla tua esperienza.

Il contenuto corretto delle diapositive per la presentazione della tua tesi

La commissione esaminatrice sarà attenta a ciò che dirai nell’esposizione, ma anche a ciò che mostrerai sullo schermo. Con questo, vogliamo dire che non dovresti sovraccaricare le diapositive, o mettere troppe informazioni se non sono davvero essenziali per la tua presentazione. Il contenuto delle diapositive dovrebbe essere il seguente:

  1. È consigliabile non superare le 10-12 diapositive per la presentazione, tesi di laurea triennale, e circa 30 per quella magistrale. Tieni presente che la prima e l’ultima diapositiva sono per il titolo ed i ringraziamenti. Non ossessionarti nemmeno con questi numeri. Nessuno conosce quale sia il numero perfetto meglio di te, e se pensi di averne bisogno di più o meno, non sentirti obbligato ad attenerti alla nostra proposta.
  2. Puoi aggiungere qualsiasi elemento esplicativo o di supporto: statistiche, immagini, tabelle con informazioni… ecc. Potrai aggiungere tutto ciò che ritieni necessario e che aiuterà nella tua presentazione, ma non sovraccaricare mai la diapositiva. I dati inseriti devono essere ordinati e ben organizzati. “Meno è di più”: tienilo sempre presente.
  3. Sul punto precedente, ti consigliamo di mantenere un giusto equilibrio, cioè, non mettere solo immagini o grafici su una diapositiva e lasciare le altre con semplice testo, ma mantieni una proporzione ed un’equa distribuzione durante la presentazione.
  4. Il carattere dovrebbe essere lo stesso su tutte le diapositive. Si consiglia di utilizzare diversi colori per attirare l’attenzione degli spettatori, così come il grassetto o il corsivo, quando necessario, ma in modo moderato.
  5. Uno dei problemi di molte presentazioni è che includono immagini di sfondo che rendono difficile la lettura del contenuto. È preferibile che tu faccia la tua presentazione con uno sfondo bianco o, al massimo, con uno sfondo morbido e chiaro che non rovini la visione delle informazioni. I colori audaci o brillanti fanno perdere l’attenzione e la concentrazione ai partecipanti.
  6. Quando hai tutte le diapositive, prova a leggerle più volte e in giorni diversi. Prova anche a mostrarli a qualcuno che conosci affinché ti dia la sua opinione, in modo da sapere cosa potresti cambiare e cosa è più scomodo per un lettore che non conosce l’argomento.
  7. Infine, è essenziale che non ci siano errori grammaticali o di ortografia. Fai attenzione ai segni di punteggiatura ed alla sintassi. Se fai un errore in queste aree, perderai immediatamente punti.

Con la nostra lunga esperienza e conoscenza in merito all’esposizione orale di una tesi di laurea, ti consigliamo di fare una copia della tua presentazione per ogni membro della commissione, o almeno una copia di ciò a cui assisteranno. Sarà un punto positivo per te e per loro poter seguire sempre il filo del discorso che farai.
ATTENZIONE: non dimenticare di esercitarti nella presentazione ad alta voce prima che arrivi il giorno della prova finale!

L’importanza di come concludere la presentazione della tua tesi

La fine della tua presentazione, come l’inizio, sono le due parti che tutti coloro che assistono ricorderanno di più. Secondo vari studi e ricerche, è stato confermato che è più facile per uno spettatore ricordare l’inizio e la fine dello spettacolo che tutto quello che succede nel mezzo. Ecco perché sottolineiamo l’importanza di concludere con un finale memorabile. Immagina un pasto nel miglior ristorante senza dessert, o un concerto senza il mitico grido finale di: Bis! Bis!… Non sarebbe lo stesso, vero?

Qui, ti daremo una serie di idee con le quali sarai in grado di finire la tua esposizione con successo. Prendi nota in modo che tutti ricorderanno il tuo finale per molti giorni a venire:

  1. Concludere con una piccola storia o un aneddoto che lascerà tutti a bocca aperta. Come opzione, si può pensare a uno che sia personale. Di solito si ottiene più empatia raccontando un’esperienza di vita reale.
  2. Lascia il richiamo di attenzione per la parte finale. Finisci con una proposta che sia realizzabile per tutto il pubblico e che possa identificarsi con l’argomento in questione.
  3. Puoi optare per una sorpresa, in cui usi un’immagine o un’informazione impattante per stupire il pubblico. Questo sarà sicuramente ricordato e darà il tocco finale di cui hai bisogno.
  4. Un’altra opzione sarebbe quella di terminare con una citazione di qualcuno che conosci, che sia emotivamente potente e faccia riflettere, ma sempre legata al tuo tema.
  5. La famosa regola del tre. Come hai letto, puoi anche terminare la tua presentazione con questo potente sistema in cui includi i concetti chiave del tuo lavoro universitario.
  6. Una delle più usate, e sono sicuro che la conosci, è la tecnica di fare una domanda retorica. Devi fare in modo che sia una domanda intensa con una risposta complicata in modo che ci debbano pensare su.
  7. Un altro molto usato è quello di tornare all’inizio di tutto, di riferirsi all’inizio della presentazione della tesi. Il pubblico capirà che state arrivando alla fine. La chiusura circolare è tipica del teatro e del cinema, ma può essere molto utile anche in una presentazione se fatta bene.

Scegli una di queste sette idee e passa un po’ di tempo a pensare a come portare a termine la presentazione e avere successo sin dal primo momento.

Prepara una scaletta della tua presentazione

Per essere in grado di esporre meglio la presentazione della tua Tesi, avrai bisogno di una scaletta in modo da non fare errori o saltare informazioni rilevanti. La commissione d’esame non ti dirà nulla, né abbasserà il tuo voto perché hai bisogno di affidarti per un momento alla tua scaletta per continuare correttamente la presentazione. Ovviamente, non ti stiamo dicendo di leggere la scaletta parola per parola, questo mai! Ma è una buona idea includere i punti chiave che devi toccare, le idee principali che hai intenzione di mostrare, ecc. Te lo spieghiamo in modo più dettagliato:

  1. Non leggere quello che hai scritto sulla tua scaletta. Come abbiamo detto prima, non farlo mai perché abbasserà il livello della presentazione.
  2. Prepara la presentazione con Power Point o Prezi, e tienila sempre a portata di mano. Non farlo a memoria, né, ovviamente, un’ora prima di andare a presentare il tuo lavoro universitario. La tua testa ha bisogno di sistemare la struttura della sceneggiatura e la sua funzione in modo che, quando arriva il momento, tutto vada bene.
  3. Quando stai preparando il tuo discorso, fallo con la tua scaletta, cioè come lo faresti nella presentazione. Questo ti darà autostima e fiducia per il “grande giorno”.
  4. La scaletta non deve essere data alla commissione, è solo per te, in modo che tu possa sostenerti durante il corso della presentazione.

La scaletta ti salverà da quei momenti di silenzio o di tensione quando non ricorderai dove stavi andando o dove devi andare dopo. Non preoccuparti, perché sono situazioni che capitano a tutti noi. Fatti una scaletta precisa in modo da non perdere nulla o dimenticare di menzionare qualcosa di importante nel tuo lavoro. Puoi guardare il seguente video per avere più idee prima di presentare la tua tesi.

Mantieni la calma durante la presentazione davanti alla commissione d’esame.

Chiunque stia per fare una presentazione di fronte a delle persone, e che non è abituato o non è il suo lavoro abituale, si sentirà nervoso, ansioso e persino privato del sonno nei giorni che precedono la presentazione. Se sei nervoso perché stai per presentare la tua tesi di laurea, niente panico: ti insegneremo delle tecniche che puoi praticare per controllare lo stress ed i tuoi pensieri negativi.

Quando vediamo un presentatore televisivo o ascoltiamo un giornalista alla radio, pensiamo: come fanno? Perché non gli trema la voce? Perché sembrano così calmi e decisi? Non è la stessa cosa confrontarsi con una persona che è stata nei media per molti anni, come con una persona che sta per fare l’unica presentazione nella sua vita. Se chiedi ai tuoi colleghi o agli studenti che devono affrontare la presentazione del loro lavoro in pubblico, sicuramente si troveranno nella tua stessa situazione di nervosismo. Prendi nota di quanto segue:

  • Conosci e visualizza il luogo dove presenterai il tuo lavoro. Questo ti aiuterà molto a concentrarti ed a immaginarti in quel luogo quando ti eserciterai nella presentazione. Se puoi, mettiti nello stesso posto in cui presenterai (palco, area dell’aula…) e familiarizza con tutto.
  • Prepara accuratamente la presentazione e studiala da cima a fondo. A questo punto non si può improvvisare o lasciarsi trasportare. Stiamo parlando della presentazione della tua tesi di laurea o di master, quindi non lasciare nulla al caso o potrebbe tornare a perseguitarti.
  • Lavora sulla tua comunicazione non verbale. La tua immagine, non solo la tua postura ma anche la tua acconciatura, i tuoi vestiti, dove guardi, il tuo tono di voce. Tutto questo manda dei segnali che gli spettatori percepiranno e quindi sapranno in ogni momento cosa stai pensando, se sei nervoso o no, e se sei preparato.

Se applichi questi tre punti sarai in grado di affrontare la tua presentazione di fronte alla commissione d’esame con buone armi.

Consigli per migliorare l’esposizione orale del tuo lavoro di tesi

Se vuoi trasmettere tutto il contenuto che hai prodotto sviluppando la tua tesi di laurea, devi continuare a leggere questo testo, perché ti offriamo consigli esclusivi per migliorare l’esposizione orale. Da molti anni sosteniamo e aiutiamo tutti gli studenti che si affidano a noi, studiando il loro caso e offrendo un lavoro senza plagio.

Non esitare a contattarci ed inviaci tutte le domande che hai in mente. Nel frattempo, ti daremo i migliori consigli che dovrai leggere attentamente e metterli in pratica:

  1. Scrivi tutte le domande o correzioni che la commissione d’esame ti indica. Questa è una tecnica molto formale che dimostrerà la tua professionalità e il tuo interesse nel raggiungere la laurea.
  2. Metti creatività nella preparazione del Power-Point, tenendo presente che la commissione d’esame assisterà a più presentazioni. Se dai un tocco divertente alle tue diapositive e lo fai in modo originale, darai una buona impressione a tutti i partecipanti e aumenterai la loro attenzione.
  3. Pratica il tuo tono di voce ed il tuo stile di esporre. Se opterai per uno stile monotono, i partecipanti si annoieranno dal minuto zero, ma se lavori su un dialogo divertente ed esclusivo, con una voce vivace e momenti spontanei, guadagnerai molti più punti sin dall’inizio della presentazione.

Sappiamo che questa è una situazione complicata, soprattutto per coloro che sono più timidi ed introversi. Metti da parte le tue paure e fai la migliore presentazione della tua vita!

Cosa aspettarsi dalla commissione d’esame durante la presentazione di una tesi di laurea?

Una delle paure più comuni di tutte le presentazioni di lavoro, specialmente nelle tesi di dottorato, è la presenza di una commissione esaminatrice. Questo significa che tra i nervi, le preoccupazioni, o qualsiasi altro inconveniente o problema, di sicuro la commissione d’esame sarà sempre il peggiore di tutti!

Affrontare i professori è la cosa più spaventosa, lo sappiamo, quindi qualsiasi raccomandazione che ti aiuti non è mai sufficiente. Anche così, ti mostreremo cosa succede di solito e cosa sperimenterai, in modo che possa farti un’idea di come si comporterà la commissione e cosa potrebbe chiederti durante la presentazione.

Quale sarà l’atteggiamento degli esaminatori?

Saranno molto seri e concentrati sul tuo lavoro. Ma non solo sulla presentazione che stai facendo, ma sul modo in cui ti muovi, il modo in cui ti esprimi e ogni dettaglio di questo momento. È per questo che insistiamo così tanto sulle provi, sul prenderti cura ti tutto e non tralasciare bulla, in modo che non ci sia spazio per l’improvvisazione. Gli esaminatori conoscono l’argomento della tua tesi, quindi cercheranno quelle domande a cui forse non hai finito di rispondere, o insisteranno sull’obiettivo principale della tua tesi. Le domande più frequenti sono le seguenti:

  1. Cosa ti ha spinto a scegliere questo argomento per la tua tesi di laurea o di master?
  2. Cosa c’è di nuovo nel tuo lavoro in questo campo di studio o area accademica?
  3. Quali sono gli ostacoli o le limitazioni che hai incontrato nel corso della tua ricerca universitaria?
  4. Quali sono gli aspetti più sorprendenti che hai scoperto con questo argomento?
  5. Hai mai pensato di non aver azzeccato l’argomento o hai pensato di cambiarlo a metà della ricerca?
  6. Su quali fonti ti sei basato e su quali non ti sei basato per dare significato e rigore alla tua tesi?
  7. Hai qualche domanda da fare a questa commissione?

Queste sette domande sono le più comuni poste da tutte le commissioni d’esame universitarie. Esercitati e sviluppale in modo da poterle affrontare quando farai la tua presentazione.
Come ultimo consiglio, non cercare la vicinanza nella giuria o sguardi complici, perché non li troverai. Le persone di fronte a te sono quelle che ti valuteranno e decideranno se otterrai o meno la laurea.

Suggerimenti per il giorno della prova finale!

Tii abbiamo già dato molti consigli e raccomandazioni affinché tu possa ottenere il meglio dalla presentazione della tua Tesi. Ma vale la pena conoscere alcuni ultimi piccoli trucchi che nessuno conosce, in modo da poter andare in quel luogo con tutta la fiducia e la sicurezza che meriti:

  • Cerca di dormire bene e non passare il giorno prima ad esercitarti nell’esposizione. Cerca di rilassarti e di liberare la mente in modo che il giorno dopo le tue batterie siano ricaricate.
  • Trattalo come se stessi raccontando una storia avvincente con un gancio speciale. Dopo tutto, stai per mostrare ciò che hai ricercato, quindi sta a te affrontarlo nel modo che ritieni più efficace.
  • Parla con altri colleghi che hanno già fatto la presentazione e chiedi loro di dirti come è andata per loro e come si sono sentiti. Questo ti aiuterà a sbarazzarti delle tue insicurezze.
  • Non pensare troppo a questo punto. È meglio uscire e parlare con i tuoi amici o la tua famiglia per far emergere le tue preoccupazioni ed avere il loro punto di vista. Quando hai finito, stacca la tua mente e cerca di disconnetterti fino al momento opportuno.

Ora è il tuo momento!!!! Sappiamo che farai una presentazione eccezionale che ti porterà al tuo agognato diploma universitario. Tutti devono passare attraverso questa parte del processo, quindi è meglio non sentirsi frustrati e dimenticare i nervi in modo che non ti giochino brutti scherzi. Esci, divertiti e diventa il migliore!

Sai già che in Accademia Tesi hai la possibilità di comprare un progetto di tesi completo o parziale, redatto da un team di professionisti. Abbiamo anche un servizio di Tesi Express per lavori urgenti per farti arrivare in tempo alla tua scadenza. Non esitare e contattarci, possiamo farlo per Te.

RICHIESTA DI PREVENTIVO

**IMPORTANTE Inviare linee guida e regole per la stesura dell'elaborato**

  • GG slash MM slash AAAA
  • Inserisci un numero inferiore o uguale a 99999.
  • Hidden
  • Tipi di file accettati: jpg, gif, png, pdf, zip, word, doc, docx, txt, Dimensione max del file: 30 MB.
    **Se si tratta di più file, inviarli tutti in un unico file .zip o .rar
  • Hidden
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento

× Come possiamo aiutarti?